mercoledì 18 luglio 2012

piccola storia di una gatta bruttina

 

c'era una gatta che gironzolava nell'orto, tra l'insalata e le zucchine. nera con delle striature rosse. un pò bruttina, poverina.
'l'esperto' diceva che era tricolore, anche se io ne vedevo solo due, di colori.
ogni giorno passava, ripuliva la ciotola lasciata con gli avanzi della cena, e poi si stendeva all'ombra, tra l'insalata e le zucchine.
poi un giorno sparì, e io pensavo che se ne fosse andata, quella gatta. che avesse trovato un altro orto, altra insalata, altre zucchine, e altra ombra.
e invece no. 
era dietro al pollaio, quella gatta. 
ed era diventata mamma, quella gatta :)


io sono tigro


e io sono nerina






voglio quella fogliolina
passo del giaguaro
presa!!! ehm...non mi piace più....








domenica 15 luglio 2012

alzo bandiera bianca

la settimana scorsa dovevo fare due giorni di ferie. non ho voluto.

luglio è sempre un mese caotico in ufficio. c'è tanto da fare, c'è da correre perchè poi in agosto tutti chiudono e sembra proprio si debba fare tutto quello che non si è fatto dall'inizio dell'anno.

a me piacciono pure i momenti 'pieni' al lavoro. il tempo passa in fretta e mi sento particolarmente stimolata.

ed è proprio quando cerchi di non dar retta ai segnali del corpo e mente che chiedono un attimo di tregua, quando ignori la stanchezza formato famiglia e i consigli dei colleghi che ti vedono 'provata', che il tuo fisico, come per un istinto di auto conservazione te la gioca sporca.

arriva il weekend e anche la febbre da cavallo, una tonsilla che manco un pallone aereostatico e una stanchezza esagerata.

il concerto del sabato sera che aspettavi da mesi è archiviato senza possibilità di appello. i programmi per la domenica e il lunedì sera pure.

sono all'interno di un circolo che suona più o meno così:
dormo, mi sveglio perchè ho la febbre alta e la gola in fiamme, mi faccio di paracetamolo e antinfiammatori, ho freddo, tanto freddo, le varie droghe cominciano a fare effetto, comincio ad avere caldo, tanto caldo, sudo, mi alzo dal letto, mi sento sfebbrata e sto meglio, mangio qualcosa, mi sento debole, torno a letto e mi addormento.

e poi ricomincio.

domani vado dal dottore. non vado dal dottore per una malattia credo da quando avevo 12 anni.

e la cosa peggiore sarà tornare in ufficio e sentirmi dire 'io te l'avevo detto' ;)

lunedì 9 luglio 2012

giocattolino nuovo

sembra una colica lo so...ma era un sorriso


ho trovato su e-bay una polaroid automatic 103. la desideravo da un pò, perchè utilizza le pellicole 'pack', e finora di così non ne avevo nemmeno una. per intenderci sono quelle che si devono estrarre manualmente dalla fotocamera tirando un'apposita linguetta che fuoriesce dal vano pellicola. le foto escono coperte e sigillate da una velina nera, che va tolta dopo aver aspettato qualche minuto per lo sviluppo.

difronte ad un qualsiasi nuovo oggetto di cui ignoro il funzionamento, tendo a procedere per tentativi. e questo perchè se imparo ad usare qualcosa provando a ragionarci e testandolo direttamente, invece che leggere istruzioni e manuali, ricordo tutto con più facilità. ci metto un pò di più, ma scoprire a mie 'spese' a cosa serve ogni tasto e levetta mi dà molta più soddisfazione.
ecco. forse questa volta una rapida occhiata al manuale (on line) non sarebbe stata una cattiva idea.
ho letteralmente buttato un intero pack di pellicole. 10 scatti neri. prima di accorgermi che la macchinetta è dotata di un vano BATTERIE, senza le quali l'otturatore fa il movimento meccanico avanti e indietro, ma non si apre... e venivano nere per forza, guarda un pò....

una volta svelato il mistero delle foto nere anche puntando praticamente al sole, mi gratificava così tanto veder uscire un'immagine 'colorata' che ho scattato un altro intero pacco quasi a caso. giusto per assistere alla magia dello 'strappa-aspetta-e guarda'. livello di infantilità ai massimi storici...

le foto sono di domenica, durante una gitarella pomeridiana ad asiago.



imparerò anche a far asciugare le foto per benino e ad evitare le macchie....


e scansionare un pò meglio...

questa è di simo

questa macchina è estremamente divertente e gratificante...ahimè! :D


e questa pure :)


comincio ad essere infettiva e contagiosa....:)

naza

martedì 3 luglio 2012

non sembrano adorabili?



ti guardano con 4 occhioni ipnotizzanti e languidi. solitamente vogliono qualcosa.
appena l'hanno ottenuto, o se capiscono che non è aria, ripongono occhi e sorrisi e continuano nella loro occupazione preferita e principale....importunarsi a vicenda...

mah....